PAOLO-SORRENTINO-594x350 fullscreen

La grande bellezza, dopo la prima

«La grande bellezza», uno straordinario concerto audiovisivo dove suoni e immagini sono in perfetta armonia gli uni con gli altri, si può definire un seguito ideale de «La dolce vita» felliniana: il sacro e il profano continuano a mescolarsi, ma ora ogni illusione sembra definitivamente perduta, i mostri marini sono scomparsi e non rimangono che semplici trucchi magici. Sorrentino si conferma il regista più ambizioso, capace e di maggior respiro del cinema italiano contemporaneo: il suo talento, al pari di quello dei suoi collaboratori, emerge a partire dalla sceneggiatura (scritta insieme a Umberto Contarello) per arrivare al montaggio e agli effetti visivi.

da ilsole24ore.com

 

Leave a Comment