Uno sguardo giu dal Colosseo

Il 20 Novembre esce nelle sale in circa 90 copie il secondo film di Luciano Melchionna. Per noi e tutti quelli che ci hanno lavorato è il capolinea di un lungo viaggio, a tratti difficile, sostenuto dalla forza carismatica di Luciano e di Tarek Ben Abdallah (dop).

Ce n’è per tutti è la storia di un ragazzo che, per sfuggire alle contraddizioni della vita e al dolore del mondo, sale sul Colosseo con la volontà di estraniarsi da tutto. L’arrivo lassù della nonna (Stefania Sandrelli) che gli comunica la leggerezza di chi ha vissuto tanto e ha imparato ad accettare la vita per com’è, sembrerebbe la chiave risolutiva per salvarlo.
Sotto, la realtà invadente, l’indifferenza e il cinismo dei mass-media lo assediano mentre gli amici confusi e superficiali si producono, involontariamente, in performance esilaranti nel tentativo di raggiungerlo.

Per ragioni decisamente condivisibili non è stato possibile girare dal vero i passi di sceneggiatura ambientati in cima al Colosseo e molte azioni sono state riprese in studio su greenback, poi integrate su contributi esterni. In questo taglio Gianluca (Lorenzo Balducci) siede sul cornicione del terzo ordine e si affaccia sul vuoto. Nel making dello shot vediamo in successione il plate ripreso in studio, la chiave grezza, la somma del foreground con il contributo di sfondo con i relativi problemi cromatici, il color matching fra i due strati e il composite finale con la luce posata.

Luciano Melchionna website

[photos order=ASC]

Leave a Comment